GuIT

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Gli articoli del numero 24 di ArsTeXnica

Download dell'intero numero
Ottobre 2017 (6,8 Mb)
(accessibile solo ai soci GuIT fino al 15/10/2018)

 

Editoriale

(Claudio Beccari)

 

La composizione tipografica di alcune lingue orientali

(Claudio Beccari)

Sommario

Scrivere nelle lingue orientali, usate dal Medio Oriente fino alla Cina e al Giappone, è una cosa che si può fare anche con i programmi del sistema TEX. La difficoltà maggiore è la conoscenza di quelle lingue e dei loro sistemi di scrittura. Per brevità qui si parlerà dell'arabo, del giapponese e del coreano, con qualche accenno al cinese.

Abstract

Typesetting documents with the languages written and spoken in the Near East to the Far East is possible with the TEX system programs. The major difficulty, besides knowing those languages, consists in their writing systems. For conciseness here we shall deal with Arabic, Japanese and Korean with modest hints to Chinese.

 

Tutorial Yudit: un editor Unicode che “parla” (anche) LATEX

(Gianluca Pignalberi)

Sommario

Gli utenti LATEX hanno a disposizione un'ampia gamma di editor tra cui scegliere il preferito: dai più spartani editor di testo privi di funzioni specifiche ai più complessi ide da cui lanciare le compilazioni, verificare la coerenza e correttezza del codice e ottenere aiuti alla scrittura grazie alle scorciatoie. Tra le varie possibili scelte c'è Yudit, un editor Unicode leggero scritto agli albori dello standard Unicode su Linux.

Abstract

LATEX users can pick their favorite editor among a wide range of such programs: from the most basic text editors without specific functions to the most complex ides to compile documents, verify the code coherence and correctness and obtain typing shortcuts from. Among the several choices we have Yudit, a lightweight Unicode editor written during the very first days of the Unicode standard on Linux.

 

Lo scriba A del Codex Sinaiticus e il font Simonides

(Claudio Vincoletto, Massimiliano Dominici)

Sommario

L'automazione del tratto calligrafico è uno dei sogni ricorrenti della tipografia digitale. Il percorso qui intrapreso ne rappresenta una delle più recenti incarnazioni, sebbene si configuri anche come uno specchio del passato: il respiro dello scriba ritorna a vivere, palpitando sulla pagina stampata.

Abstract

The calligraphic stroke automation is one of the recurring dreams of digital typography. The path taken here represents one of the most recent incarnations, though it also functions as a mirror of the past: the scribe's breath returns to life, vibrating on the printed page.

 

Requirements for a Music Engraving Program: a Composer's Point of View

(Jean-Michel Hufflen)

Sommario

È ben noto che alcuni programmi di elaborazione di testo sono interattivi, cioè wysiwyg, mentre alcuni — wysiwym — funzionano come compilatori ed elaborano i file di ingresso usando un particolare linguaggio. I programmi interattivi presentano funzionalità interessanti, mentre altre funzionalità sono fornite dai sistemi wysiwym. Possiamo osservare le stesse caratteristiche nei programmi per scrivere musica. In questo articolo presentiamo le funzionalità che interessano nel caso della composizione tipografica della musica e commentiamo alcuni programmi da questo punto di vista.

Parole chiave

Incisione della musica, spartiti, tipografia musicale, composizione musicale, controllo delle versioni, gestione degli strumenti musicali, creazione di file midi, Finale, LilyPond, MusiXTEX, NoteEdit MuseScore.

Abstract

It is well-known that some typesetting systems are interactive, that is, wysiwyg, whereas some — wysiwym — work like compilers and process input files written using an input language. Interactive systems provide interesting features, whereas other qualities are implemented by wysiwym systems. We can observe the same points about music engraving programs. In this article, we summarise the properties of interest during the music composition process and review some music engraving programs from this point of view.

Keywords

music engraving, scores, music typography, music composition, versioning, managing musical instruments, building midi files, Finale, LilyPond, MusiXTEX, NoteEdit, MuseScore.

 

Condizionali in LATEX

(Enrico Gregorio)

Sommario

Dopo un breve cenno ai condizionali in TEX e LATEX e alle loro limitazioni, si introducono le strutture condizionali disponibili con expl3, l'interfaccia di programmazione del futuro LATEX 3.

Abstract

After briefly touching on conditionals in TEX and LATEX, with their limitations, we introduce the conditional structures available with expl3, the programming interface of the future LATEX 3.

 

Introduzione alla composizione di testi scacchistici

(Maurizio Molinaro)

Sommario

In questa introduzione alla composizione di testi scacchistici, dopo aver definito alcuni obiettivi e alcuni requisiti necessari, si esaminano le caratteristiche generali e, più approfonditamente, gli ingredienti specifici dei testi scacchistici (linea principale, analisi delle varianti, diagrammi), evidenziando gli errori e i difetti più comuni. Segue una rassegna dei principali strumenti attualmente messi a disposizione da LATEX, in particolare i pacchetti dedicati e i caratteri scacchistici, e si fa cenno ad alcuni programmi esterni che possono essere di interesse. Si presentano alcuni esempi completi che mostrano l’applicazione pratica dei concetti introdotti in precedenza. Nelle conclusioni si riassumono gli argomenti che meritano di essere ripresi e ampliati in futuro.

Abstract

In this introduction to typesetting techniques for chess texts, after stating some goals and some necessary requirements, the general characteristics of chess texts are examined, with emphasis on the specific ingredients (main line, variation analysis, diagrams), and highlighting the most common errors and defects. It follows a review of the main tools presently offered by LATEX, in particular dedicated packages and chess characters, and reference is made to external programs that can be of interest. Some complete examples are presented, showing the practical application of the concepts previously introduced. The last section summarizes the topics worthy to be resumed and widened in the future.

 

Let's Connect LuaTEX to the World

(Roberto Giacomelli)

Sommario

Una delle migliori novità del mondo TEX è LuaTEX non solamente per la tipografia in sé. Questo potente motore di composizione è capace di recuperare dati da molte sorgenti diverse, una caratteristica molto importante nei contesti di produzione di imprese e studi professionali, dove le informazioni condivise sono una risorsa vitale. In questo articolo discuterò le soluzioni che ho trovato fino a ora durante la mia attività professionale, per estendere il sistema TEX con funzioni esterne come quelle dei driver SQL. Illustrerò poi l'ultima mia inattesa scoperta, sorprendentemente semplice e innovativa: connettere il codice tramite messaggi. Niente più codice di basso livello di cui prendersi cura, niente più vincoli dovuti alle incompatibilità tra programmi, ma uno strato software fornito dalla libreria ZeroMQ con cui connettere LuaTEX a servizi esterni. Illustrerò in dettaglio l'installazione di ZeroMQ, e con l'aiuto di esempi funzionanti, mostrerò come usufruire in LuaTEX di servizi costruiti con il linguaggio Rust.

Abstract

One of the best pieces of news in the TEX world is LuaTEX not only for typography itself. In fact, this very powerful typesetting engine is capable to retrieve data from a variety of sources, a very important feature especially in the production context such as business and professional teams, where shared data are a vital resource. In this paper I will describe several solutions achieved so far during my job, to execute external code like SQL drivers and pass the datasets to TEX. Then, I will introduce the latest point of view that I suddenly discovered a few weeks ago, surprisingly simple and innovative as well: connect code by messaging. No more low level artifacts to care about, no more constraints due to incompatibility between programs, but a communication layer provided by the ZeroMQ library connecting LuaTEX with distributed services. I will detail how to install ZeroMQ and, with the help of several working examples, I will show how to benefit from services built with Rust within LuaTEX.

 

Un DTD SGML per la generazione di codice NGSpice e CircuiTikZ

(Renato Battistin)

Sommario

La simulazione di un circuito elettronico e la sua rappresentazione grafica sono solitamente due operazioni distinte. Un DTD SGML che allo stesso tempo definisce i componenti dei circuiti, le loro connessioni, i comandi di simulazione e la rappresentazione grafica del circuito, consente di ottenere da un unico file SGML i codici NGSpice e CircuiTikZ.

Abstract

The simulation of an electronic circuit and its graphic representation are usually two distinct operations. An SGML DTD that simultaneously defines the circuit components, their connections, simulation commands, and graphical representation of the circuit, allows of to obtain the NGSpice and CircuiTikZ codes from a single SGML file.

 

A Template Engine with TEX and Friends

(Paulo Roberto Massa Cereda)

Sommario

Questo lavoro presenta alcune idee sull'uso dei template con il sistema TEX, per mezzo di strumenti a riga di comando con lo scopo di unire i dati ai modelli di template.

Abstract

This article presents some insights towards using template engines with TEX and friends with the help of a command line tool written for the sole purpose of merging data sources and templates.